Classificazione rifiuti pericolosi: prevale la normativa europea

Il Decreto Legge 91/17, pubblicato in GU n. 141 del 20 giugno 2017, e in vigore dal giorno 21, all’articolo 9 stabilisce che la classificazione dei rifiuti pericolosi va fatta utilizzando le norme europee. Il citato art. 9 “Misure urgenti ambientali in materia di classificazione dei rifiuti”, recita infatti: “I  numeri  da  1  a  7  della  parte  premessa  all’introduzione dell’allegato D alla parte IV del decreto legislativo 3 aprile  2006, n. 152, sono sostituiti dal  seguente:  «1.  La  classificazione  dei rifiuti è effettuata dal produttore assegnando ad essi il competente codice CER ed applicando le disposizioni  contenute  nella  decisione 2014/955/UE e nel regolamento (UE) n.  1357/2014  della  Commissione, del 18 dicembre 2014». Una previsione che appare scontata, visto che le norme comunitarie prevalgono sulla legislazione nazionale: tuttavia era necessaria alla luce dell’ingiustificata “sopravvivenza” del vecchio 91/14, contrastante con le nuove norme europee.

http://www.gazzettaufficiale.it/eli/id/2017/06/20/17G00110/sg

Continua

Questo sito Web utilizza i cookie. Continuando a utilizzare questo sito Web, si presta il proprio consenso all'utilizzo dei cookie.
Per maggiori informazioni sulle modalità di utilizzo e di gestione dei cookie, è possibile leggere l'informativa sui cookies.