ARERA, massima attenzione contro le opacità nella gestione rifiuti

L’Autorità invita le Istituzioni a scelte di lungo periodo. Trasparenza, impianti di trattamento e monitoraggio sono le parole chiave per evitare la diseguaglianza nelle regioni

Massima attenzione alle necessità dei consumatori – nell’evitare indiscriminati aumenti di prezzo – e alle esigenze dei comuni e delle aziende di raccolta e trattamento dei rifiuti urbani. Lo fa sapere ARERA in una nota che parla di  “un’emergenza che si somma alle difficoltà conclamate del settore, che da tempo dividono l’Italia tra zone avanzate, nelle quali i rifiuti sono una risorsa, e altre – in ritardo – nelle quali i cittadini ricevono minori servizi pagando prezzi più alti”.

L’Autorità sottolinea come in questo momento sia importante non abbassare la guardia sugli obiettivi di trasparenza e di sviluppo industriale del settore, in quanto è proprio in questa situazione di emergenza che possono prendere il sopravvento gli elementi di opacità e di inefficienza, spesso indotta, che da molto tempo condizionano pesantemente alcune aree del Paese in tema di rifiuti. Il momento e la gravità della situazione richiedono “uno sforzo congiunto di tutti i livelli di governo coinvolti, dei gestori e dell’intera filiera del settore. Uno sforzo per restare il più possibile vicini alla normalità, evitando di frenare un processo di miglioramento ormai avviato”.

La regolazione di ARERA sta consentendo di “misurare” il settore, di valutare i singoli elementi gestionali, anche riconoscendo costi straordinari quando ci sono situazioni di difficoltà temporanee, come quelle attuali. La regolazione rende più evidente e tracciabile ogni fase e i relativi costi della raccolta, del trasporto e del trattamento, anche – purtroppo – laddove gli impianti di trattamento non esistono e obbligano a viaggi verso altri Paesi che oggi, in emergenza, non accolgono i nostri rifiuti.

Il settore è in una fase di stress, di fronte alla quale il parere tecnico dell’Autorità è quello di mantenere il timone nella rotta individuata, verso un sistema industriale che chiuda il ciclo dei rifiuti e rispetti i principi di sostenibilità economica e ambientale previsti dall’Unione Europea. Una visione pragmatica e di lungo periodo è certamente quello di cui il sistema dei rifiuti ha maggiormente bisogno per uscire dal potere di ricatto delle continue trattative a livello regionale, nazionale e spesso internazionale.

https://www.arera.it/it/index.htm

Continua

Questo sito Web utilizza i cookie. Continuando a utilizzare questo sito Web, si presta il proprio consenso all'utilizzo dei cookie.
Per maggiori informazioni sulle modalità di utilizzo e di gestione dei cookie, è possibile leggere l'informativa sui cookies.