Rifiuti, 200mila TIR all’anno trasportano spazzatura

Sono più di 200mila i TIR necessari ogni anno a trasportare i rifiuti prodotti dalle regioni che non hanno abbastanza impianti per smaltirli e perciò li destinano alle discariche o ai termovalorizzatori situati in altre regioni o all’estero. Se messi in fila, formerebbero una colonna lunga 3.300 km, quasi la distanza tra Reggio Calabria e Mosca.

È una carovana di oltre 550 TIR al giorno, che inquina (emissioni di CO2 e polveri sottili), costa ai cittadini (aumenta la tassa sui rifiuti) e alle imprese (maggiori costi di smaltimento). Un conto salato, di cui sono responsabili gli amministratori delle regioni che non solo non hanno provveduto ad assicurare l’autosufficienza impiantistica prevista per legge, ma nemmeno hanno predisposto una strategia per dotare i loro territori degli impianti necessari alla chiusura del ciclo dei rifiuti. La graduatoria delle peggiori regioni, basata sul numero di TIR carichi di rifiuti messi in strada ogni giorno, vede sul podio Lazio, Campania e Sicilia.

I deficit impiantistici: un costo per ambiente, imprese e cittadini

La somma dei deficit delle 14 regioni che non hanno impianti sufficienti per lo smaltimento e l’avvio a recupero energetico dei rifiuti è di 4,9 milioni di tonnellate, che vengono così esportate all’estero o in altre regioni per essere riciclate o incenerite.

In mancanza di impianti, lo smaltimento avviene trasportando, appunto, altrove i rifiuti. Quando non finiscono per accumularsi nelle strade, con problemi di natura sanitaria e ambientale, e diventare una emergenza, terreno fertile per le organizzazioni criminali. I costi diretti e indiretti gravano sulle spalle dei cittadini e delle imprese.

Al primo posto nella graduatoria della spesa annua per il servizio rifiuti per una famiglia tipo c’è la Campania, con 447 euro pari al 2,5% del reddito disponibile, ben sopra lo 0,6% della Lombardia e lo 0,7% del Veneto.

Le stesse tre regioni sul podio della classifica per il maggior deficit impiantistico sono anche le prime nella graduatoria del costo del servizio: una chiara evidenza di come siano i cittadini, per primi, a pagare le carenze impiantistiche sulla chiusura del ciclo dei rifiuti.

Fonte: https://www.refricerche.it/

Continua

Questo sito Web utilizza i cookie. Continuando a utilizzare questo sito Web, si presta il proprio consenso all'utilizzo dei cookie.
Per maggiori informazioni sulle modalità di utilizzo e di gestione dei cookie, è possibile leggere l'informativa sui cookies.