Scania interrompe la produzione in Europa

Scania intende fermare la operazioni nella maggior parte dei propri impianti produttivi d’Europa a partire da mercoledì 25 marzo, a causa della carenza di componenti e per le problematiche che si sono verificate nella catena di fornitura e logistica a seguito della diffusione di COVID-19 in Europa.

“Le nostre officine e i nostri centri ricambi rimarranno operativi, per consentire ai nostri clienti di continuare ad effettuare il trasporto, un servizio di vitale importanza per la società”, ha evidenziato Henrik Henriksson, Presidente e CEO di Scania.

Allo stato attuale, Scania prevede di riprendere la produzione entro due settimane. Il personale direttamente coinvolto nell’interruzione della produzione è impiegato presso gli stabilimenti del gruppo in Svezia, nei Paesi Bassi e in Francia.

Scania è in stretto contatto con i rappresentanti sindacali per affrontare congiuntamente la situazione.

“Sia il management dell’azienda che i rappresentanti dei dipendenti apprezzano le misure di supporto che sono state attivate nei paesi in cui i nostri dipendenti si trovano ad affrontare un’interruzione temporanea dell’attività lavorativa”, ha evidenziato Henrik Henriksson.

Le operazioni industriali di Scania in America Latina, che rappresentano circa un quinto del volume di produzione dell’azienda, continueranno come previsto.

https://www.scania.com/it/it/home.html

Continua

Questo sito Web utilizza i cookie. Continuando a utilizzare questo sito Web, si presta il proprio consenso all'utilizzo dei cookie.
Per maggiori informazioni sulle modalità di utilizzo e di gestione dei cookie, è possibile leggere l'informativa sui cookies.