“Se butti male… Finisce in mare!”: il bilancio del progetto Legambiente e Corepla

Più di 11 rifiuti ogni metro di spiaggia, di ogni forma, genere e dimensione. Rifiuti che continuano a invadere i nostri litorali a causa della cattiva gestione a terra, di sistemi di depurazioni inadeguati o dell’abbandono consapevole. A confermarlo sono i dati finali di Se butti male… Finisce in mare!, la seconda edizione del progetto educativo di Legambiente Corepla –  il Consorzio nazionale per la raccolta, il riciclo e il recupero degli imballaggi in plastica –  che in questi mesi ha coinvolto e visto impegnati 4.000 tra studenti, educatori, volontari e cittadini in Campania e Puglia.

Quindici gli arenili monitorati nelle due regioni – per una superficie complessiva di 35.850 metri quadrati: in totale è stata trovata una media di 1.136 rifiuti ogni 100 metri lineari di spiaggia. Nello specifico in Campania sono state monitorate 8 spiagge (9.750 rifiuti trovati per una media di 1.219 ogni 100 metri lineari) e 7 in Puglia (7.283 rifiuti, con una media di 1.040 oggetti ogni 100). La plastica, in entrambe le regioni, si conferma il materiale più trovato e rappresenta l’84,3% dei rifiuti monitorati; a seguire ci sono vetro/ceramica (4,3%) e gli oggetti in metallo (4%).

Lunedì 6 maggio 2019 si è svolto l’appuntamento finale del progetto alla foce del fiume Sarno, tra Torre Annunziata e Castellammare di Stabia in Campania con la pulizia straordinaria della spiaggia di Rovigliano. Un evento raccontato dalle telecamere di Fuori TG, in diretta su Rai 3, insieme al Presidente nazionale di Legambiente Stefano Ciafani e al Presidente di Corepla Antonello Ciotti.

«I numeri della nostra indagine dimostrano ancora una volta che il marine litter è un problema che ci coinvolge da vicino – dichiara Stefano Ciafani, presidente di Legambiente -. Ridurre nei prossimi anni i rifiuti sulle nostre spiagge e nei nostri mari non è una sfida impossibile, ma va affrontata con determinazione.  L’Italia da questo punto di vista sta facendo spesso da apripista, anticipando le direttive europee su questo fronte. C’è bisogno però dell’impegno di tutti noi. Dopo l’esperienza dello scorso anno in Sicilia, quest’anno abbiamo voluto coinvolgere i ragazzi delle scuole di Campania e Puglia per renderli non solo partecipi del problema, ma anche e soprattutto per evidenziare le soluzioni che passano sempre di più su politiche di prevenzione e sensibilizzazione, su una corretta gestione dei rifiuti a partire dalla raccolta differenziata e dal riciclo per sostenere e promuovere l’economia circolare».

«La lotta al marine litter inizia sui banchi di scuola – dichiara Antonello Ciotti, presidente di Corepla. – Da 20 anni il Consorzio è in prima linea nella promozione della cultura del riciclo dei cittadini di domani, per contrastare la dispersione dei rifiuti in mare o sulle spiagge e trasformarli in nuove risorse con evidenti vantaggi ambientali, sociali ed economici. Questa iniziativa si inserisce nell’ambito delle attività promosse da Corepla per monitorare lo stato di salute dei nostri mari e attivare nuove sperimentazioni di riciclo. – e aggiunge: –La Campania e la Puglia detengono un patrimonio costiero unico, da preservare con una particolare attenzione ai fenomeni del littering; i dati del 2018 confermano che la direzione presa è quella giusta: in Puglia la raccolta differenziata degli imballaggi in plastica è cresciuta di oltre il 20%, mentre in Campania ha raggiunto quasi 21 Kg per abitante (dato di poco superiore alla media nazionale). Ci auguriamo che le azioni collettive e le sinergie tra il mondo industriale, associativo e la società civile possano contribuire a raggiungere risultati ancora più ambiziosi».

 

 

Continua

Questo sito Web utilizza i cookie. Continuando a utilizzare questo sito Web, si presta il proprio consenso all'utilizzo dei cookie.
Per maggiori informazioni sulle modalità di utilizzo e di gestione dei cookie, è possibile leggere l'informativa sui cookies.